il gioco più bello del mondo (quando dura poco)

Vota questo articolo
(1 Vota)
il gioco più bello del mondo (quando dura poco)

Viene definito proprio così, il gioco più bello del mondo, sto parlando del calcio ovviamente, durante l’anno magari non è seguito proprio da tutti ma quando ci sono competizioni internazionali come i campionati mondiali o europei che si stanno svolgendo in questo periodo in Francia si riaccende la passione per questo sport anche in chi non lo segue abitualmente, figuratevi come viene amplificata in un tifoso sfegatato.

Già quando parte l’inno della nazionale prima della partita veniamo rapiti e ci sentiamo anche noi “eroi” di quel rettangolo erboso, per i 90 minuti dopo il fischi d’inizio non esiste nient’altro che la partita.

Questa passione sfegatata per il calcio però è costata cara a questo tifoso turco che per seguire la propria nazionale di calcio ha trascurato la fidanzata che stufa delle poche attenzioni ricevute ha deciso di vendicarsi.

Tutto è pronto per la partita Turchia - Croazia il super tifoso si è preparato la postazione in stile Fantozzi davanti alla tv ma senza frittatona di cipolle, quello che non sa è che la sua ragazza ha scaricato sul telefono un’applicazione che può telecomandare il televisore di nascosto.

Così appena la Turchia sta creando qualche azione alla ragazza basta un click per spegnere il tv scatenando la rabbia del tifoso esagerato che da prima se la prende con il povero divano per poi passa al portatile lanciandolo contro lo schermo e dopo l’ennesimo “malfunzionamento” si scaglia contro il televisore rompendolo in mille pezzi.

Vi assicuro che il video è esilarante, dura un po’ ma guardatelo tutto.

Proprio oggi giocano gli azzurri, ecco magari prima di essere completamente assorti dalla partita assicuratevi di avere la vostra ragazza vicino o almeno dopo la partita promettetele di portarla fuori a cena così salverete il rapporto e anche il televisore.

 

Alessio Sisci

aka Il Radioattivo

Letto 649 volte

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

EDITORIALI

  • 1
  • 2