Loving Out Loud

Vota questo articolo
(0 Voti)
Loving Out Loud

Quando sei bello-in-modo-assurdo pensi non siano necessari altri pregi. In fondo se sei bellissimo, hai già conquistato tutti.

Poi Dio, Buddha o Spongebob (cit.) hanno creato due bellissimi, li hanno dotati di moltissimo sense of humour e li hanno uniti in una supernova hollywoodiana. Stiamo parlando di Blake Lively e Ryan Reynolds, coppia d'oro del mondo del cinema, fidanzati dal 2011, sposati dal 2012, due bimbi altrettanto belli. Se non vi ricordate di chi stiamo parlando, vi basti pensare che la biondissima e statuaria Blake è colei che ha sfilato diversi red carpet incinta, fasciata in abiti aderenti e su tacchi vertiginosi senza nemmeno un accenno di caviglie gonfie. Lui, invece, è il bello che balla o il biondo con cui volentieri ti impegneresti, a seconda della frase fatta che preferite utilizzare.

Ci sono state le dichiarazioni pubbliche d'amore, canoniche e bellissime, quelle che ti hanno fatto dire alle amiche "awww, quella gran culo di Blake" (semi-cit.). Poi ci sono state le dichiarazioni non convenzionali, e noi li amiamo per queste. Come al compleanno di lei, quando lui ha pubblicato una foto su Instagram per farle gli auguri, escludendola dall'immagine. O al compleanno di lui, quando lei gli ha servito la sua vendetta pubblicando una foto di Ryan Gosling con annessa didascalia "Happy Birthday, Baby". L'ultima puntata di questa versione vivente di Gossip Girl ce l'ha regalata Ryan Reynolds, pubblicando una foto in cui la moglie passeggia per strada, capelli corti nascosti da un cappello, viso segnato, le guance scavate, utilizzando il famoso hashtag #nofilter. In relatà Blake Lively si trova a Dublino sul set di The Rhythm Section, un thriller ispirato ai romanzi di Mark Burnell. La bellissima Blake qui interpreta Stephanie, una donna sul baratro dell’autodistruzione in seguito alla scomparsa della famiglia in un incidente aereo, salvo poi scoprire che dietro quell’incidente si nasconda in realtà un sabotaggio, e diventare lei stessa un'assassina.

Ci piacciono perchè ci sembrano normali e complici, perchè li pensiamo come noi a ridere sul divano davanti ad un bicchiere di vino. Perchè non importa quanto tu sia bello, ricco e famoso, alla fine, non c'è nulla di più bello di ridere con chi ami.

 

Letto 788 volte

Lascia un commento

EDITORIALI

  • 1
  • 2