Monterey Pop Festival - Il primo festival rock

Vota questo articolo
(1 Vota)
Monterey Pop Festival - Il primo festival rock

Siamo al 16 giugno 1967, esattamente 50 anni fa, nella città di Monterey in California, ha avuto luogo il primo grande festival della musica; gli organizzatori, tra cui Paul Simon e Michelle e John Phillips dei The Mamas & the Papas, decisero semplicemente di chiamarlo Monterey Pop Festival, per differenziarlo e al tempo stesso ricondurlo al più classico e longevo Monterey Jazz Festival.

Siamo all’inizio della cultura hippie, in quell’estate che verrà ricordata come “Summer of Love”, proprio grazie a questo festival e all’album “Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band” dei Beatles, uscito solo qualche settimana prima. Il festival si svolse in un’area naturale in cui parteciparono più di 200.000 persone; il prezzo del biglietto costava soltanto 1 dollaro e gli artisti partecipanti donarono il ricavato in beneficenza.

Tre giorni di grande musica, non solo rock, ma folk, soul, blues, r’n’b, il tutto circondato dalla classica atmosfera hippie di colori e suoni diversi.

Il primo giorno, venerdì 16 giugno, la chiusura del festival toccò agli Animals di Eric Burdon e al duo Simon & Garfunkel che spianarono la strada per il giorno successivo ai Canned Heat e alla prima apparizione di Janis Joplin con i Big Brother & the Holding Company.

La giornata di sabato 17 giugno si chiuse con Jefferson Airplane, Booker T. & the M.G.'s e Otis Redding; proprio quest’ultimo fu l’unico rappresentante della black music e cantò brani come “Respect” (da lui scritto ma portato al successo da Aretha Franklin), “(I Can’t Get No) Satisfaction” dei Rolling Stones e “I’ve Been Loving You Too Long”; purtroppo questa sarà la sua ultima apparizione in un grande evento musicale.

L’apice si ebbe nella giornata di domenica 18 giugno che si aprì con Ravi Shankar, l’unico dei musicisti ad essere pagato (3.000 dollari per la sua lunga performance con il sitar); continuò con Grateful Dead, Buffalo Springfield, The Who e la performance (letteralmente) infuocata di Jimi Hendrix che decise di sorprendere la folla dando fuoco alla sua chitarra in segno di sacrificio.

La “Summer of Love” era all’apice del suo splendore, ma nessuno si sarebbe immaginato che il Monterey Pop Festival sarebbe stato soltanto il precursore del festival più grande di sempre che si tenne due anni dopo: il Festival di Woodstock.

Letto 162 volte

Lascia un commento

EDITORIALI

  • 1
  • 2