la parola al direttore

“La radio ha liberato il desiderio di gioco”.

La radio tocca tutti gli ascoltatori intimamente e personalmente: il suo aspetto più immediato è un'esperienza privata che permette di diventare ciò che si vuole. Noi di Electoradio vogliamo permettere ai nostri ascoltatori di essere bambini e tornare a giocare, a divertirsi, a vivere con la leggerezza che la quotidiana vita ci toglie. Riteniamo che la radio debba evolversi e non rimanere rinchiusa in schemi tecnici e culturali ormai passati ma declinarsi al 2.0, al nuovo che avanza cercando di arrivare in ogni tempo e in ogni luogo. Internet ha abbattuto il muro della comunicazione e noi riteniamo fermamente che la comunicazione web sia e debba necessariamente divenire il nuovo strumento per la radiofonia conquistando i territori propri delle vecchie FM fino ad arrivare in luoghi mai battuti. Abbiamo iniziato questa sfida cinque anni addietro nel 2011 e ora grazie alla nostra struttura tecnica tra le migliori in Italia, la programmazione innovativa e originale e la varietà di format e creatività e leggerezza degli speakers siamo riusciti, senza paura di essere smentiti, la più importante realtà radiofonica web del nord Italia. Tale assunto è infatti dimostrato dal fatto che molti importanti voci ovvero autorevoli personalità del mondo culturale italiano e radiofonico abbiano deciso di prendere “residenza” presso la nostra famiglia in quanto più libera, più viva, più reale!

A proposito di Bond, James Bond

Vota questo articolo
(3 Voti)
A proposito di Bond, James Bond

Oggi parliamo di James Bond: non per svelare nuovi dettagli sul prossimo film della saga dedicata all’agente segreto più elegante della storia del cinema - che comunque vede tra le ipotesi più accreditato il ritorno di Daniel Craig - ma perchè proprio uno dei suoi indimenticabili interpreti ci ha lasciati

 

Roger Moore è morto, infatti, all’età di 89 anni:"È con il cuore pesante che dobbiamo annunciare che il nostro amorevole padre, Sir Roger Moore, è morto oggi in Svizzera dopo una breve e coraggiosa battaglia contro il cancro". Così i figli del grande attore britannico hanno annunciato sui social la scomparsa del padre. Moore è stato il più longevo tra gli attori a impersonare James Bond: sono infatti ben sette i film che interpretò, dal 1973 con “Vivi e lascia vivere”, a “Bersaglio mobile”, girato quando Moore aveva già 58 anni. Sarà poi lui a voler abbandonare il personaggio, nonostante l’enorme successo, stanco di un ruolo che considerava ormai troppo violento, e troppo, in generale, per la sua età. 

Chissà cosa avrà avuto da dire allora sul James Bond interpretato da Daniel Craig, tutto muscoli e azione - e a pensarci bene, poche donne -, lontano anni luce dalla flemma britannica e dal ciuffo inossidabile di Roger Moore. Quando si parla dell’agente 007 sono tante le differenze tra gli attori, e altrettante le tifoserie: c’è chi crede che l’unico plausibile fosse proprio Roger Moore, chi preferisce Sean Connery, chi apprezza di più la svolta “action” di Daniel Craig

 

Tra tutti, però, forse c’è un interprete che non sono in molti a rimpiangere: Pierce Brosnan. Forse troppo macchietta e con caratteristiche esageratamente marcate e rigide. Non che lo stesso Moore fosse poco sopra le righe nelle sue interpretazioni. Come quella volta in cui il suo Bond era stato trovato a letto con una bella donna dal capo dei Servizi, ‘M’. “Bond, che sta facendo?”, “Cerco di tenere su la bandiera inglese!”. Ma quelli erano gli anni ’70

Letto 1405 volte

Lascia un commento